Il "re della colazione": i 5 migliori cappuccini di Palermo

Postato in Dove mangio  -  04 Aprile 2019

Cappuccino

E’ considerato il “re della colazione” anche se sono non pochi gli stranieri che lo sorseggiano in ogni momento della giornata.
Il cappuccino, fedele compagno dell’espresso e del cornetto, è uno dei prodotti del “Made in Italy”, insieme alla pasta e alla pizza, che più ci invidiano all’estero e, da poco, protagonista della “Latte Art”, la pratica di decorare le bevande con la sola crema di latte.


Di facile preparazione prevede però una serie di regole, indicate dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano, assolutamente da rispettare per ottenere un vero cappuccino italiano.

Innanzitutto, il cappuccino deve essere servito a tazza colma con la cupola in bella evidenza di colore bianco, ornata da bordo marrone più o meno spesso. La parte liquida invece deve essere color tonaca di frate cappuccino, da cui il nome. Per fare ciò, la miscela deve essere composta da 25 millilitri di caffè rigorosamente espresso e da 100 millilitri di latte montato.

Inoltre, il latte deve essere vaccino fresco e con un contenuto di proteine minimo del 3,2% e di grassi del 3,5% per ottenere la giusta montatura. Per fare ciò il latte deve essere freddo e montato a vapore fino a raggiungere un volume di circa 125 millilitri e una temperatura attorno ai 55°C. Dunque sfatiamo un altro mito: il cappuccino non va mai servito bollente, né tantomeno tiepido.

Infine, anche la tazza non è lasciata al caso. Per accogliere il cappuccino nella maniera ottimale, è indicata la tazza in porcellana feldspatica bianca da circa 160 millilitri, la misura giusta per contenere 25 millilitri di espresso e 100 millilitri di latte montato. Anche la geometria è importante perché è proprio durante la caduta del latte montato che si ha l’inglobamento del caffè e la creazione di quell’anello perfetto che orna la superficie nel cappuccino.

Ma quali sono a Palermo i cappuccini più buoni? La ricerca di Cronache di Gusto si è basata su un campione di 23 bar e caffetterie tra quelli più noti e quelli vivamente consigliati da appassionati e intenditori. Di questi, ne sono stati scelti 5 che sono stati provati più di una volta per verificarne la costanza.

I migliori 5 cappuccini di Palermo (in ordine alfabetico)


Bioesserì (via Giuseppe La Farina, 4)

Latte bavarese a lunga conservazione col 3,5% di grassi per il cappuccino preparato da Valentina. Molto buono. Prezzo 1,50 euro.

Bristrò (via Emerico Amari, 28)

Latte fresco siciliano intero. Temperatura ottimale e crema di latte persistente e nella giusta quantità. Praticamente perfetto. Prezzo 1,60 euro.

Casa Stagnitta (discesa dei Giudici, 46)

Cappuccino preparato ad arte con latte lombardo intero fresco. Ottimo. Prezzo 1,50 euro.

Rosanero caffè & cucina (via Notarbartolo, 25)

Il cappuccino è fatto con latte fresco intero siciliano. Buona la consistenza della crema di latte e perfetta la temperatura. Notevole. Prezzo 1,60 euro.

Vera Coffice (via Generale Magliocco, 31)

Latte sardo intero a lunga conservazione per questo cappuccino. Cremoso ad arte. Davvero squisito. Prezzo 2 euro.

Share

E' un'iniziativa