Bollicine a Capodanno, la top ten di Vinoveritas

Postato in Cosa bevo  -  31 Dicembre 2014

Giuseppe Lisciandrello

Cosa bere al cenone di fine 2014 e perché no anche nei primi giorni del 2015?

Abbiamo chiesto una top ten di bollicine da segnalare ai nostri lettori winelovers a Giuseppe Lisciandrello, grande conoscitore e titolare di una delle enoteche più apprezzate di Palermo, Vinoveritas. Una certezza: sull’olimpo c’è lo champagne Salon 2007. “Si commenta da solo – dice Lisciandrello - e beato chi ha la fortuna e le tasche per poterlo bere”. Costa 350 euro.

Ci auguriamo di poterlo bere sì, ma nel frattempo le alternative non mancano. E la lista dei desideri segue, con etichette imperdibili, esclusive, uniche e in alcuni casi ottime anche per rapporto qualità prezzo. Scegliete quello che fa al vostro caso e buon 2015. 

1. Salon 2007
"Nessun commento. Bevetelo se potete”.

2. Billecart Salmon Blanc de Blancs
“Di straordinaria finezza, equilibrio ed eleganza. Una Cuvée 100 % Chardonnay. Le sue frizzanti bollicine illuminano uno Champagne dal colore dorato. Una cuvée che vi sorprenderà con la sua pura intensità di aromi di frutta secca, mandorle e nocciole fresche unite a frutti bianchi. In bocca è cremoso. Sottile. Non potente. Amato dalle donne”.

3. Cà Del Bosco Annamaria Clementi 2005
“Una vera eccellenza italiana. Nove anni di affinamento sui lieviti che conferiscono complessità e ricchezza. Supremo. Armonia olfattiva ed equilibrio gustativo eccellente”.

4.  Henriot Rosé
“Un prodotto vivace. Una cuvée con una buona concentrazione di frutti rossi. Più morbido e ideale con i dessert”.

5. Louis Roederer Brut Premier.
“Lo champagne da perfezione. Un vino semplice, pulito. La sua trama strutturata, la sua ricchezza e la sua lunghezza lo rendono completo, complesso, moderno e possente. Un grande classico”.

6. Almerita Rosè
“Spumante di pregio, azzeccato in Sicilia. Il colore rosa antico ed il perlage fine e continuo anticipano sentori delicati di frutta rossa e i tratti distintivi di eleganza. Versatile dagli antipasti ai dessert”.

7. Vilmart Grande Réserve
“Estremo senso di eleganza, chiarezza e definizione. Molto secco. Ideale come aperitivo”.

8. Cabochon 2009
“Franciacorta di buon livello. Un vino armonioso ed elegante, morbido e strutturato, che si presenta con profumi di pompelmo rosa, nocciola e crosta di pane. Al gusto è corposo con buona spinta acida, piacevole sapidità. Ottimo rapporto qualità prezzo”.

9. Asti Cascina Fonda 2007
“Un classico da dessert. Spumante metodo classico piemontese. Piacevole dolcezza nella bevuta. Al gusto è dolce, sorretto da una fresca acidità. Ideale con o con frutta secca”.

10. Bolla Ciao DOCG Brut – Fontanafredda. Alta Langa
 “Ottenuto esclusivamente da uve Pinot nero e Chardonnay. Il profumo ricorda il miele, la pesca a polpa bianca, il pompelmo ed il basilico. In bocca il vino è sapido con una bolla avvolgente ed un finale dolce e lungo. Ottimo il rapporto qualità prezzo. Perfetto per i giovani e per tutte le tasche”
 
Francesca Landolina
Share

E' un'iniziativa