Il 19 marzo è “Sfincia day”. La ricetta dello chef Catalano della pasticceria Oscar di Palermo.

Scritto da Redazione FD .  -  04 Marzo 2020

OSCAR1965

Si avvicina il 19 marzo e a Palermo è Sfincia Day: c’è un solo dolce a vincere su tutto: la sfincia di San Giuseppe. Abbiamo chiesto al pastrychef della storica pasticceria Oscar 1965, in via Migliaccio, a Palermo come si preparano questi dolci così golosi. 

 

Cosa sono le sfince di San Giuseppe? Si tratta di grossi bignè fritti e alveolati farciti con crema di ricotta, zucca candita e gocce di cioccolato e decorati con granella di pistacchi, ciliegie e scorza d’arancia candita. Secondo la tradizione, si narra, che furono inventate dalle suore del Monastero delle Stimmate di San Francesco secoli fa come dolci poveri coperti di miele da consumare per la Festa di San Giuseppe del 19 marzo, ma nel tempo i pasticceri locali ne arricchirono progressivamente le caratteristiche a tal punto da trasformarle in soffici delizie. Oltre alla classica sfincia di ricotta, farcita dentro e fuori, Oscar 1965 propone varianti creative. “Da un paio d’anni – ci racconta lo chef Catalano – proponiamo ai nostri clienti anche versioni più moderne, con crema al pistacchio, crema pasticcera aromatizzata con bacche di vaniglia, crema al cioccolato fondente. E poi la classica, con ricotta sia dentro che fuori. Il 19 marzo è il giorno della Sfincia di San Giuseppe. I palermitani lo sanno bene e non si lasciano sfuggire l’occasione di mangiarla, anche se è un dolce tradizionale che vendiamo ogni giorno, durante l’anno”.

 

Ecco come prepararle:

 

Ricetta per 25 sfince circa

½ lt di acqua

8 gr di sale

150 gr di strutto

12 uova

½ kg di farina 00

2 kg di ricotta di pecora zuccherata precedentemente

100 gocce di cioccolato fondente

Frutta candita (arancia e ciliegia rossa)

Granella di pistacchi

 

Procedimento:

Mettere a bollire acqua, strutto, sale. Quando il composto arriva a bollore, aggiungere farina e mescolare per 2 – 3 minuti. Fare riposare l’impasto per 5 minuti. Aggiungere le uova, uno alla volta. Con un cucchiaio formare delle sfere e adagiare sull’olio abbondante per iniziare a friggere. L’olio deve essere di girasole o di arachidi, oppure come si faceva anticamente si può friggere con lo strutto. Prima friggere in olio intorno a 140° per almeno 5 minuti. Poi passare in una seconda friggitrice e friggere in olio a 180° per altri 5 minuti, girando sempre a sfincia da una parte e dall’altra. Scolare e lasciare freddare. Quando le sfince saranno ad una temperatura ambiente riempire con una sac à poche di ricotta e gocce di cioccolato. Con una spatola, spalmare la ricotta anche all’esterno e guarnire con zucchero a velo, frutta candita e granella di pistacchi.

Share

E' un'iniziativa