Antiossidante, saziante e diuretico: tutte le virtù del Fico d'India

Scritto da Redazione.  -  04 Settembre 2019

FichidIndia

Un frutto dalle straordinarie proprietà e dal sapore dolce e deciso, che dona una piacevole sensazione di freschezza e sazietà. E’ il Fico d’india, frutto “settembrino” tipico delle regioni dell’Italia meridionale, come Sicilia e Calabria, dove cresce rigoglioso raggiungendo fino ai 3 metri di altezza.

E’ costituito da una polpa succosa e carnosa molto ricca di acqua, zuccheri, vitamine e sostanze minerali.
Le sue proprietà sono davvero molte. Questi frutti sono ricchi di vitamine, soprattutto vitamina C, e minerali tra cui potassio e magnesio. Contengono inoltre molte fibre che aiutano la peristalsi intestinali contrastando il problema della stitichezza. Chi consuma regolarmente questi frutti, quando sono di stagione, nota infatti nel giro di poco tempo un netto miglioramento delle proprie funzioni intestinali.

Sempre grazie alla presenza delle fibre, i fichi d’india aumentano il senso di sazietà, sono utili inoltre per assimilare meno grassi e zuccheri tenendo a bada glicemia e sovrappeso. Ecco perché vengono spesso consigliati come spuntino per chi è a dieta e vuole perdere i chili di troppo.

Ma i vantaggi di mangiare fichi d’india non si esauriscono qui: questi frutti favoriscono la diuresi, riducendo il rischio di calcoli renali e in alcuni casi addirittura favorendo l’eliminazione di quelli già presenti; sono ricchissimi di antiossidanti, sostanze utili al nostro corpo per combattere i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.

Dei fichi d’India si utilizzano sia i veri e propri frutti che le pale, altrettanto buone e ricche di proprietà. Con i prodotti di questa pianta si possono ad esempio preparare succhi, marmellate, gelati, granite, sciroppi, frittelle, risotti e molto altro.
Ottimo anche il gel estratto dalle pale da utilizzare anche sulla pelle come se fosse un vero e proprio cosmetico naturale come cicatrizzante e disinfettante. Estratti di fichi d’india si utilizzano anche per arricchire creme e shampoo dato che sembra possano contribuire ad una maggiore crescita dei capelli.

Inoltre, secondo alcuni studi, i composti flavonoidi presenti nel frutto riducono il rischio del tumore al seno, alla prostata, al pancreas, allo stomaco, ai polmoni ed alle ovaie.
I risultati di uno studio americano suggeriscono che il succo di fico d’India può essere considerato un importante agente chemiopreventivo per ridurre l’incidenza di alcuni tipi di tumore.

Ma grazie alla buona quantità di minerali come il ferro, il fosforo ed il calcio, il fico d’India viene utilizzato anche come coadiuvante nella cura dell’osteoporosi. Secondo gli studi i flavonoidi presenti nel frutto prevengono la formazione di composti che favoriscono l’infiammazione delle articolazioni e dei muscoli causata da gotta e artrite.

Un’altra proprietà della fibra alimentare è quella di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Uno studio ha dimostrato che il consumo di 250 gr al giorno per 8 settimane di fichi d’India è efficace per la riduzione del colesterolo.
Secondo la ricerca scientifica tali benefici sono da imputarsi alla pectina che è un particolare tipo di fibra alimentare.

Share

E' un'iniziativa