Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Lo stellato Pietro D'Agostino apre il suo nuovo locale: Kistè e la sua cucina semplice e tradizionale

Postato in Dove mangio  -  15 Marzo 2017

Un locale nuovo in uno dei palazzi che ha scritto la storia di Taormina. Un’idea di cucina essenziale che affonda le radici nella storia dello chef e della sua Isola. Ha aperto Kistè, il nuovo progetto gastronomico dello chef Pietro D’Agostino.

 

Allo scoccare del decimo anno dall’attribuzione della stella al suo storico ristorante, La Capinera sempre a Taormina, lo chef rimescola le carte in tavola e decide di raccontarsi anche attraverso una cucina essenziale che metta in evidenza tutta la bontà di ingredienti esclusivamente prodotti in Sicilia. E per farlo ha scelto un luogo carico di storia, quell’antica Casa Cipolla di via Santa Maria dé Greci che è uno dei rari esempi di stile del tardo Rinascimento siciliano a Taormina. La stessa Casa Cipolla che, fino a qualche anno fa, sotto il nome di Casa Grugno, ospitava il ristorante stellato del compianto Enrico Briguglio. “Questo luogo è bellissimo e ci piaceva l’idea di farlo rivivere come posto della buona cucina – dice D’Agostino –. Ci è sembrato lo spazio perfetto per raccontare la nostra terra attraverso piatti snelli e diretti e per continuare la tradizione di qualità che lo contraddistingue”.

 Il nome Kistè è un omaggio alle origini greche della città, ma è soprattutto ispirato alla presenza all’interno dei locali di due enormi cisterne di epoca romana intercomunicanti e ispezionabili. A questo si affianca la definizione di easy gourmet, ad indicare proprio la filosofia del locale e dello chef D’Agostino che lo gestirà insieme con la compagna Morena e la sorella Cinzia. All’interno di Kistè, lo chef ha fatto un’accurata selezione di materie prime, le stesse utilizzate nella sua cucina, che saranno disponibili con marchio “Io D’Agostino”, come un olio nocellara dell’Etna, due vini, un passito di Pantelleria Doc e un grillo di Marsala, tre tipi di miele di Zafferana etnea (Melata d’agrumi, sulla selvatica e ficodindia) e una pasta realizzata con grani siciliani. Tutti ingredienti che potranno essere consumati sotto forma di piatti prepararti dallo chef o acquistati per portarli a casa.

Share

E' un'iniziativa

Copyright © 2013-2017 | Tutti i diritti riservati. Powered EffeGrafica.it